Visualizzazioni totali

mercoledì 19 settembre 2018

FILAMENTO STAMPA 3D ACETATO DI CELLULOSA IPOALLERGENICO USI MEDICALI RESISTENZA AL CLORO, RAGGI UV, USI STRUMENTI OTTICI



FILOPRINT propone un nuovo interessantissimo tipo di filamento in acetato di Cellulosa, proveniente da fibre miste di cotone, è molto famoso nel mondo dell'ottica. Le sue proprietà ipoallergeniche e la sua resistenza alle muffe rendono possibile stampare parti che possono stare senza nessun tipo di allergia in contatto con la pelle.

Oltre alla sua naturale resistenza ai raggi UV, ACETATO DI CELLULOSA si comporta molto bene contro agenti chimici come il cloro.

Appartiene alla famiglia delle resine cellulosiche. Come la Celluloide è ottenuta per modificazione chimica della cellulosa, che è un polimero naturale e una delle sostanze organiche piu' diffuse in natura. L'acetato di cellulosa è la prima materia plastica stampata a iniezione. Ha l'aspetto di una polvere bianca e per il suo aspetto gradevole viene usata soprattutto per produrre manufatti trasparenti, traslucidi e opachi tra cui tasti per macchine da scrivere e calcolatrici, pulsanti, rivestimento di volanti per automobili, manici di coltelli, tacchi per scarpe, paralumi, vetri di orologi, parti di maschere protettive, penne stilografiche, manici di parapioggia, giocattoli e via dicendo.
Questo materiale possiede un'elevata resistenza all'urto, ottima tenacità, ed un basso peso specifico; la sua rigidità dielettrica è alta e la sua conducibilità termica è bassa. È meno igroscopico degli altri esteri cellulosici e quindi presenta una buona stabilità dimensionale. Può essere facilmente colorato in ampia varietà di colori e di toni.
Risulta lucido e simile alla seta sia alla vista che al tatto, per questa ragione è anche chiamato "seta artificiale". Queste caratteristiche lo differenziano dalla maggior parte dei prodotti sintetici quali polistirolo o policarbonato. È utilizzato come fibra sintetica per la produzione di fodere. Con l'aggiunta di plastificanti e di stabilizzanti è utilizzato per la produzione di semilavorati estrusi impiegati nella fabbricazione di montature di occhiali da vista e da sole. Può anche essere prodotto in sottili fogli trasparenti, utilizzati per la produzione di maschere protettive, schermature per lampade e proiettori da teatro.
Film di poliaceteto spessi pochi decimi di millimetro sono usati come terminale delle stringhe per scarpe. Il diacetato (acetato di cellulosa) ha sostituito in questo impiego la nitrocellulosa (celluloide) altamente infiammabile. Anche l'acetato, specie se esposto a forti fonti di calore, tende a decomporsi liberando acido acetico dal caratteristico odore.
Nella industria degli occhiali l'acetato è inizialmente servito a riprodurre alcuni prodotti naturali quali la tartaruga od il legno, finendo tuttavia per assumere strutture proprie non più imitanti i prodotti naturali precedentemente utilizzati. Le maggiori aziende di questo settore, sia per quanto riguarda la fabbricazione dei semilavorati che per la produzione degli occhiali sono Italiane.
Il materiale di partenza per la fabbricazione di derivati chimici della cellulosa è costituito da fibre ottenute da linters di cotone o cellulosa di legno ad elevato contenuto in alfa-cellulosa (o vera cellulosa). La molecola di cellulosa è composta da circa 3000 unità glucosidiche. Ciascuna unità contiene tre gruppi idrossilici per l'esterificazione. I fattori che controllano la preparazione dei varî esteri ed eteri della cellulosa sono le condizioni della cellulosa, il tipo e la quantità dei reagenti, le condizioni (tempo, temperatura, agitazione) di reazione.
CONSIGLI PER LA STAMPA DI ACETATO DI CELLULOSA

Temperatura di estrusione 235 ° C - 250 ° C
Temperatura del letto di stampa: 60 ° C - 80 ° C
Su vetro con lacca – su tappetino LOKBUILD senza lacche o colle – consigliato RAFT/BRIM
Velocità di stampa 3000mm / min
Distanza di svincolo 2mm
1500 mm / min di retrazione
Coefficiente di estrusione 1
SI CONSIGLIA L'USO DI UNA MACCHINA CHIUSA SU 4 LATI ( ANCHE NON RISCALDATA)


venerdì 14 settembre 2018

PLA ESD ELETTROSTATICO CONDUTTIVO PER OGGETTI ELETTRONICA, CONTENITORI ELETTROSTATICI, COMPONENTI ELETTRONICHE


Questo PLA ESD ELETTROSTATICO prodotto negli USA dalla 3DXTech, garantisce una resistenza di 10 ^ 6 a 10 ^ 9 ohm.  La conducibilità costante è assicurata da nanotubi di carbonio a parete multipla nel filamento PLA.

Si affianca ai già ottimi prodotto della stessa casa statunitenze ma in altri compound base come ABS ESD ed anche PETG ESD 


Rispetto ad altri tipi di ESD, il filamento con base PLA ha molti vantaggi come ad esempio una più facile stampabilità e praticamente nessuna deformazione.



Proprietà Conductive / ESD
Con una resistenza superficiale 10 ^ 7 a 10 ^ 9 Ohm, questo filamento è perfettamente adatto per applicazioni critiche che richiedono un'elevata protezione contro scariche elettrostatiche (ESD).
Attraverso i nanotubi di carbonio a parete multipla, la qualità eccellente e di estrusione professionale, ESD con base PLA risulta essere di alta qualità con proprietà ESD coerenti agli standard INDUSTRIALI.



PERCHE' COMPRARE PLA ESD
Coerente e affidabile resistenza superficiale
Bassissima deformazione
Facile da stampare
Nessun letto di stampa termico o camera chiusa necessaria
odore appena percettibile per la stampa
PLA ESD è utilizzabile per la realizzazione di:

Semi-con: componenti HDD, alloggiamenti, manipolazione di wafer, maschere, involucri e connettori
Industriale: applicazioni per attrezzature, trasporto, misurazione, utensili a fine braccio e rilevamento
La conducibilità obiettivo del filamento ESD PLA è da 10 ^ 6 a 10 ^ 9 ohm misurata dal 3DXTech con il metodo ad anello concentrico.
Nota:
Studi interni di 3DXTech hanno dimostrato che un aumento della temperatura dell'estrusore può garantire valori di conducibilità superiori. Allo stesso modo, le temperature più basse all'estrusore, possono portare a livelli più bassi di conducibilità.
COME STAMPARE PLA ESD
Condizioni di stampa consigliate:
Temp. Estrusore: tipicamente 210-220 ° C. PLA ESD ha una viscosità di fusione superiore rispetto a PLA standard. Pertanto, a volte, è necessario stampare a temperature più elevate rispetto al PLA standard per consentire alla resina di fluire correttamente.
Moltiplicatore di estrusione: 1 / max 1,15
Velocità di estrusione: 50 mm / s o superiore
Temperatura del letto: 23-60 °C
Velocità della ventola: 50-100% a partire dal 2 ° strato
Preparazione copertura per letto: nastro blu, lacca superforte direttamente su vetro. Si consiglia il supporto per l'adesione con il tappetino LOKBUILD per stampe di grandi dimensioni.

ULTERIORI NOTE TECNICHE PER IL PLA ESD

PLA ESD è composto con un PLA speciale modificato per sopportare maggiori gradi di impatto e quindi aggiunge una formulazione proprietaria di additivi di carbonio e modificatori di processo / dispersione. Tutto progettato per offrire un'esperienza di stampa eccellente e proprietà ESD coerenti.

I vantaggi di 3DXSTAT ™ includono:
Ideale per la stampa senza letto riscaldato - non è richiesto ma suggerito tappetino tipo LOKBUILD per elementi di elevata grandezza
Basso restringimento / deformazione - molto facile da stampare
Basso odore - ideale per la stampa in spazi pubblici / ambienti d'ufficio
Resistenza superficiale costante e affidabile
Miglioramento della conservazione dell'impatto e dell'allungamento rispetto a materiali simili a quelli ESD-safe
Contaminazione da particelle di carbonio estremamente bassa
Minimo contributo al degassamento e contaminazione ionica

Nota: Ogni stampante è configurata in modo diverso così come la geometria della parte può variare di forma e grandezza. Pertanto, c'è da aspettarsi di dover perdere un po' di tempo per capire come impostare al meglio la propria stampante ed impostare quindi specificatamente il proprio programma si SLICING.



venerdì 7 settembre 2018

FILAMENTI STAMPA 3D USI MEDICALI, PROTESICI, ELEMENTI ELETTRONICI, MECCANICA GENERALE, AVIONICA, DRONI


FILOPRINT è orgogliosa di annunciare la collaborazione con Formfutura la quale ha stabilito una partnership con DSM in cui Formfutura diventerà un partner ufficiale di distribuzione per i filamenti a gradazione industriale ad alte prestazioni del marchio DSM.

Con questa nuova partnership, FILOPRINT può ora garantire un ulteriore STEP qualitativo per i nostri clienti con una nuova linea di polimeri ad alte prestazioni con la materia prima fornita da BRAND DSM, leader mondiale nella produzione di compound. I prodotti DSM offerti da Formfutura sono di altissima qualità tipo “industriale” e unica nel suo genere e quindi perfettamente complementare alla nostra gamma di prodotti offerti nel nostro vasto catalogo On-Line. Con questa nuova partnership ora è possibile avere accesso anche ai filamenti del famoso marchio DSM e ad una vasta gamma di nuovi mercati e applicazioni industriali, per i quali FILOPRINT implementerà di volta in volta il suo catalogo.

Oltre ad avere sempre nuovi materiali di massimo livello qualitativo offerti al miglior prezzo possibile, collaboreremo anche a nuovi metodi di test che renderanno più semplice il confronto tra le proprietà meccaniche degli oggetti stampati in 3D attraverso le nostre gamme di filamenti combinati.

Il primo nuovo ed interessantissimo materiale è un tipo di gomma copolimerica dal nome GOMMA TPCARNITEL© ID 2045

VEDI FOTO 1


GOMMA TPC Arnitel® ID 2045 è un TPC altamente flessibile (copoliestere termoplastico) con durezza di grado SHORE D34 che può essere utilizzato in un'ampia gamma di applicazioni, dai paradenti sportivi, all'elettronica, da elementi per protesi ortopediche a complessi oggetti per uso meccanico ed Automotive.

GOMMA TPC Arnitel® ID 2045 è un polimero flessibile con un'ottima resistenza agli UV e ai prodotti chimici rispetto ad altri polimeri flessibili come il TPU (uretano termoplastico). Con una temperatura di rammollimento di ben 158 °C ed un modulo di tensione di 29 Mpa con una resistenza allungamento/rottura del 350%, ne fanno un filamento davvero molto resistente.
GOMMA TPC Arnitel® ID 2045 è un filamento ECO-COMPATIBILE prodotto con il 50% di materiale biodegradabile. Permette una stampa a velocità medio/alta ( dipende dal tipo di stampante usato) rispetto ad altri tipi di TPC. Questa capacità si combina con una facilità di stampa notevole con caratteristiche di alte prestazioni, grazie all'eccellente adesione tra strati ed al suo comportamento di cristallizzazione più lento.

POSSIBILI APPLICAZIONI

Settore automobilistico, aerospaziale, ferroviario, motoristico - ad es. telai per illuminazione, tubi, tergicristalli, componenti che devono resistere a temperature ed attacchi chimici
Strumenti flessibili ed elettronica
Assistenza sanitaria - come protesi, splints di bruxismo
Usi paramedicali come intersuole, paradenti, parastinchi, occhiali, auricolari, ludici ed architettonici

Il secondo articolo è un particolare tipo di PET caricato con TEFLON dal nome PETP ARNITE® ID 3040

VEDI FOTO 2


PETP ARNITE® ID 3040 è un innovativo filamento base PET che combina alta resistenza al calore, stabilità dimensionale e resistenza eccezionale con caratteristiche di lavorazione eccellenti. È uno dei pochissimi filamenti di PET in commercio oggi e può essere utilizzato per creare qualsiasi cosa, dai connettori per elettrodomestici ai sensori per autoveicoli, DRONI, Automotive, Aeromotive. Con una temperatura di rammollimento di ben 255 °C ed un modulo di tensione di ben 2350 Mpa ne fanno un filamento davvero molto resistente considerando anche una interessante proprieta elettrica con un volume resistivo maggiore di 1E13 Ohm/m.

Maggiormente conosciuto come Arnite, è un termoplastico che ha le stesse caratteristiche del PET, ma a cui viene aggiunta polvere di PTFE, che contribuisce a migliorare notevolmente il coefficiente di attrito e rende il materiale più resistente ai carichi di usura.
Questo materiale combina una grande forza e rigidità a eccezionali caratteristiche di lavorabilità.
Tra i materiali plastici l’arnite è presente sul mercato in svariate applicazioni: nelle industrie automobilistiche, dell’elettronica e delle apparecchiature industriali e farmaceutiche.
E’ idoneo alla produzione di pezzi di alta precisione e stabilità dimensionale, anche perché risulta essere insensibile all’umidità ambientale.

PETP ARNITE® ID 3040 offre anche una buona fusione e resistenza allo strato intermedio con grandi qualità di superficie. Le parti possono essere rivestite o verniciate facilmente e resistono bene agli agenti atmosferici e all'umidità. PETP ARNITE® ID 3040 non solo migliora le prestazioni di produzione, ma rispetta l'ambiente, grazie alla sua facile riciclabilità.
POSSIBILI APPLICAZIONI

Trasporto: telai di illuminazione, valvole del servofreno, tergicristalli
Elettronica: connettori bianchi, alloggiamenti per fendinebbia
Meccanica: ACCESSORI ELETTRICI, AUTOMOTIVE, AEROMOTIVE, DRONI, ELETTRONICA, MEDICALE, ORTOPEDIA

Il terzo articolo invece è una POLIAMMIDE PURISSIMA dal nome POLIAMMIDE PA6-66 NOVAMID® ID 1030

VEDI FOTO 3

Con il materiale POLIAMMIDE PA6-66 NOVAMID® ID 1030 è possibile produrre parti quasi indistinguibili da quelle prodotte con lo stampaggio a iniezione standard.

Questo materiale è un poliammide 6/66 puro, ed è stato originariamente sviluppato molti anni fa per applicazioni molto verticali in termini di esigenze specializzate, spesso soggette a condizioni ambientali e temperature elevate (fino a 125 °C).

Adeguata alla stampa 3D, la materia prima poliammide modificata viene quindi ottimizzata per creare POLIAMMIDE PA6-66 NOVAMID® ID 1030 che offre una combinazione unica di proprietà, tra cui eccezionale rigidità e duttilità, in una vasta gamma di applicazioni, dai trasporti, allo sport e all'elettronica. Il profilo di cristallizzazione ottimizzato migliora la fusione, consentendo parti con un'eccellente resistenza allo strato intermedio e un'elevata qualità della superficie.

POLIAMMIDE PA6-66 NOVAMID® ID 1030 è adatto per applicazioni durature che richiedono buone proprietà meccaniche, resistenza a temperatura ed aggressioni chimiche.

POSSIBILI APPLICAZIONI

Elettronica - maschere di montaggio da banco, stoccaggio specifico per parti personalizzate
Trasporto, AUTOMOTIVE, AEROMOTIVE, DRONI,
Meccanica generale

Per finire un innovativo materiale a base POLIPROPILENE molto leggero, con un grado di densità di 0,75 g/cm cubo. INDUBBIAMENTE il più leggero filamento prodotto fino ad oggi! Questo a tutto vantaggio di prestazioni in termini di dinamica e velocità di spostamento soprattutto per oggetti dedicati al VOLO quali DRONI e/o modelli radiocomandati, oltre che per un uso AUTOMOBILISTICO e AVIONICO


VEDI FOTO 4

PEGASUS PP ULTRALIGHT è un composto potenziato da nanotecnologia basato sul filamento Centaur PP addittivato con altre componenti chimiche derivate dal POLIPROPILENE. A causa della nanotecnologia applicata, Pegasus PP Ultralight ha un peso e una densità del 20% inferiori rispetto al normale PP.

PEGASUS PP ULTRALIGHT combina tutte le proprietà meccaniche del POLIPROPILENE in un materiale estremamente leggero e questo lo rende un materiale molto adatto per applicazioni come automotive, droni, applicazioni galleggianti, applicazioni resistenti all'usura, agli agenti atmosferici ed attacchi chimici anche molto aggressivi.

Con una temperatura di rammollimento di ben 154 °C ed un modulo di tensione di ben 605 Mpa con una resistenza a trazione/rottura del 25% ne fanno un filamento davvero molto resistente.

PERCHE' COMPRARE PEGASUS PP ULTRALIGHT

Estremamente leggero
Densità materiale di 0,75 g / cc: 20% più leggero del PP Standard - 40% più leggero del PLA
Buona resistenza all'usura, all'abrasione e alla fatica
Elevata resistenza chimica
Non assorbe l'umidità
Eccellente adesione interstrato

venerdì 6 luglio 2018

GROWLAY FILAMENTO STAMPA 3D STRUTTURA PER COLTIVAZIONE IDROPONICA BASE PER GERMINAZIONI STRUTTURE MICELLARI BIOBOTANICA


FILOPRINT presenta un innovativo tipo di filamento by Kai Parthy, ingegnere Tedesco molto esperto di stampa 3D e pioniere dei filamenti di legno, da utilizzare per la biocoltura indoor, per la produzione di spore organiche e strutture di licheni, erba, fertilizzanti ecc. Ecc. chiamato GROWLAY


Per avere un'idea della possibilità di coltura IDROPONICA potete prendere visione del filmato a questo link CLICCANDO QUI 

Ed anche a questo link CLICCANDO QUI 

FOTO 1



Il filamento GROWLAY da FILOPRINT commercializzato nella sola versione BROWN, può essere utilizzato per l'agricoltura indoor. Gli strati di GROWLAY possono produrre strutture organiche. Semplicemente aggiungendo dell'acqua, semi o spore di qualsiasi tipo di pianta esse cresceranno sul filamento, permettendo una biocoltura ed una crescita organica controllabile e gestibile come CASE STUDY di ricerca.

Il punto chiave del filamento per stampa 3D GROWLAY è la natura micro-capillare del materiale termoplastico stratificato. Le sue cavità assorbono e immagazzinano acqua e sostanze nutritive o fertilizzanti liquidi disciolti. È un vettore assorbente per questi agenti, che fornisce una struttura stabile per i semi di erba o il muschio a cui aggrapparsi, biosostenersi e crescere.

VEDI FOTO 2 E FOTO 3




Di fatto si può usare per coltivare il micelio di funghi, oppure coltivare le muffe di formaggio (vedi gorgonzola) negli strati complessi dei micro-tunnel organici di GROWLAY. E' possibile persino sperimentarlo come un lichene, che normalmente si appoggia solo su cemento o tegole, oppure come supporto INDOOR per la coltivazione intensiva di piante e verdure.

C'è molto spazio per la sperimentazione quindi, occorre solo non dimenticare di irrigare regolarmente questo nuovo ecosistema! GROWLAY memorizzerà naturalmente il prezioso H²O in minuscoli pori e fornirà un serbatoio sicuro per la crescita, anche con acqua contiene nutrienti e/o fertilizzanti aggiunti.

Con Growlay si dovrebbe quindi incentivare lo studio specifico di un terreno fertile universalmente applicabile con le proprietà della terra con il suo UMUS NATURALE e farlo crescere su strutture stampabili in 3D a piacimento ed in forme fin'ora impossibili da realizzare.

La sua matrice flessibile è sempre pronta per essere utilizzata dai ricercatori, ovunque e ogni volta che qualcosa deve essere coltivato. Si possono anche implementare studi applicati sulla botanica dove si possono coltivare paesaggi esotici o soluzioni di sostegno per piane e fiori con design unico lasciando che i semi di piante e fiori coltivati su di esso, possano crescere in modo mirato.

Kai ha sviluppato Growlay in due diverse versioni:

1. GROWLAY-bianco

Poroso con capillari aperti, completamente compostabile e realizzato da materiale puro e biodegradabile al 100%. Tuttavia questo tipo di colore BIANCO risulta molto complesso da stampare e di difficile utilizzazione se non da esperti dei settori botanici e/o biotecnologici. FILOPRINT potrà comunque fornirlo solo su richiesta a chi sarà interessato

2. GROWLAY-marrone

Questo è il tipo che commercializza FILOPRINT molto può facile da stampare e da utilizzare anche dai meno esperti in ambito consumer. Sebbene non compostabile, fornirà più solidità alla struttura da costruire. Anch'esso ha la struttura a poro aperto e contiene sostanze nutritive organiche (particelle di legno) che fungono da alimento per tutte le piante verdi. Ha una elevata resistenza alla trazione ed è più rigido di GROWLAY-Bianco. Riesce ad essere più stabile alle alte temperature di stampa 3D di solito utilizzate dalle macchine e può essere stampato con la stessa facilità di un filamento tipo LAYWOOD o LAYWOOD META5 sempre da FILOPRINT commercializzati e venduti anche a multipli di 10 metri per test e prove di stampa

GROWLAY può essere sterilizzato (per uso alimentare e ricerca) con gas o liquidi (ma non termicamente). Può anche essere colorato per ottenere un contrasto più elevato, al fine di separare visivamente la crescita e i terreni di semina.

DESCRIZIONE TECNICA DEL FILAMENTO GROWLAY

VEDI FOTO 4 - 5 – 6 





Utilizzabile per la stampa 3D di qualsiasi tipo di oggetto che lascia crescere i seguenti tipi di culture biologiche
1. 1. erba; muschio
2. 2. fungo; muffa
3. 3. lichene
4. 4. micelio
5. colture farmaceutiche, cellule madri

GROWLAY funziona come un terreno fertile. Aggiungi semi o spore e loro cresceranno sulla sua superficie

PROPRIETA' GROWLAY:

GROWLAY è microcapillare. Le sue cavità assorbono e immagazzinano acqua, sostanze nutritive o fertilizzanti liquidi disciolti.
La muffa cresce attraverso i capillari a cellule aperte e forma un micelio.
I semi di erba possono essere "catturati" dalle sue microcelle e crescere.
Le spore trovano spazio per germogliare in piccole cavità. (vedere le immagini al SEM)
Le radici si aggrappano alle strutture del riempimento dell'oggetto.
Anche i licheni crescono su Growlay come di solito avviene preferenzialmente all'interno di muri di pietra o alberi.
GROWLAY può essere sterilizzato (per uso alimentare e ricerca) con gas o bagnato (ma non termicamente)
Per la differenziazione tramite colore, gli oggetti stampati con Growlay, successivamente possono essere colorati con colori alimentari, al fine di distinguere meglio la crescita separata.
Vettore dell'assorbimento di agenti fitopatogeni

GROWLAY è disponibile nelle versioni funzionalmente diverse bianco
e marrone

La versione bianca è un filamento sperimentale e completamente compostabile (solo su richiesta)

La versione marrone contiene non solo i pori, ma anche il "cibo" incorporato in forma di materiale cellulare che è necessario per la biocrescita

GROWLAY-marrone poroso + parti in legno
non compostabile
con capillari aperti + polimero contiene i nutrienti organici (particelle di legno)
maggiore resistenza alla trazione
più rigido rispetto alla versione bianca e molto più facile da stampare in 3D
maggiore stabilità della temperatura: il filamento può essere stampato con la stessa facilità di Laywood, o laywoodMETA5 con qualsiasi tipo di stampante 3D tipo prusa con un fattore di difficoltà minimo

COME STAMPARE GROWLAY

Il materiale può essere stampato a 235-250 ° C su un letto di stampa anche non riscaldato (ma consigliato ad almeno 50/60 °C), con gli stessi accorgimenti usati per l'ABS come ad esempio lacca forte e raft. Questo per garantire la massima stabilità e presa sul letto di stampa senza avere distacchi o quant'altro. Con queste importazioni NON si avrà ritiri o warping di sorta.

GROWLAY contiene legno con pori a celle aperte che permettono all'oggetto stampato in 3D dopo che è stato messo in acqua per 2 giorni, di asciugare l'oggetto con un ventilatore, non in forno. La struttura del compound è MICROPOROSA simile a quella del micelio.


giovedì 21 giugno 2018

COME STAMPARE PLA CON MACCHINE ZORTRAX M200/M300 SERIES CONSIGLI E SOLUZIONE PROBLEMA DI STAMPA CON ESTRUSORE V2 PER ZORTRAX


COME STAMPARE PLA CON MACCHINE ZORTRAX M200/M300 SERIES



Per stampare qualsiasi tipo di filamento in PLA (Originale Z-PLA e tutti i restanti compatibili) con macchine ZORTRAX è INDISPENSABILE montare un HOT-END modificato dal nome: ESTRUSORE TYPE V2 ( anche del tipo  Z-SWISS oppure ZT-HE) ed ovviamente il programma Z-SUITE ultima release. Per la sola stampa del PLA e relativa massima temperatura usabile di 210 gradi Celsius, è fortemente consigliato adottare l'estrusore con il tubo in PTFE in quanto la versione ALL METAL dell'estrusore non permette la stampa del PLA. Nel caso NON superare mai temperature di oltre 210 gradi Celsius con inserito il tubo in PTFE!

Occorre però fare attenzione al giusto setting di stampa in quanto il problema principale è legato all'oggetto che terminato di stampare, è molto probabile che rimanga attaccato al raft addirittura a volte quasi fuso insieme ad esso e quindi impossibile da staccare.

Per ovviare a questo problema si consiglia di eseguire i seguenti settaggi

ATTENZIONE: Quanto segue può variare anche di molto, in relazione al tipo di qualità del filamento PLA usato. Di solito se il PLA è estremamente puro e NON ha molti additivi chimici per stabilità layer e/o resistenza a temperature (ancor peggio se caricati in carbonio) la macchina potrebbe NON essere in grado di stamparlo facilmente nemmeno con l'estrusore V2 a causa di una eccessiva temperatura di fusione non molto ben controllabile neanche con lo Z-SUITE

Se invece, la tipologia di filamento risulta essere di un tipo con additivi per aumentarne la resistenza in generale, allora con l'estrusore V2 ed i setting di seguito indicati si può raggiungere un ottimo risultato, ciò perché questo tipo di PLA hanno dalla sua una gestione di temperatura di stampa più alta e quindi più “gestibile” anche dalla ZORTRAX.

Procedere quindi come nell'immagine allegata e di seguito indicato sotto:




Entrare nel programma Z-SUITE --> selezione: filamento pla (non zortrax) --> bottom layer infill--> per una rimozione facile dal piano impostare il 50% (il minimo). Il layer di base non sarà perfettamente liscio e perfetto ma questo è un prezzo da pagare per riuscire a stampare correttamente i PLA.

Impostare come bottom layer --> non piu' di 4 (il minimo)

fan speed--> manuale e sempre al 100%

retraction: settare 0.5 mm e per un miglior controllo velocità max 20 mm/s

Per la sola stampa del PLA, suggeriamo di togliere i pannelli laterali della macchina per avere un migliore evacuazione del calore prodotto ed evitare quindi troppa pressione per il calore eccessivo.
Temperatura di stampa: impostare a 197 °C anche se si può andare a 210 °C per quei tipi di PLA che riescono a sopportare meglio la temperatura di stampa ( vedi PLA PLUS ESUN/FILOPRINT - PLA TECNICO POLYMAX - PLA PRO HT)

gli esempi di stampa sotto evidenziati sono stati realizzati con VARI MATERIALI come ad esempio ABS R&D ONE OPTIMUS - ASA - TPU - PETG - POLICARBONATO - PLA PRO HT INSIEME A PLA+ ESUN/FILOPRINT - XT CF20 CARBON - PETG CARBON - PETG LITE
















lunedì 18 giugno 2018

POLIPROPILENE GF30-PP FIBRA VETRO FILAMENTO PER STAMPA 3D USI MECCANICI, PROTESICI, RESISTENZA CHIMICA, RESISTENZA AGENTI ATMOSFERICI, AUTOMOTIVE, NAUTICO


POLIPROPILENE GF30-PP FIBRA VETRO




FILOPRINT propone un interessante e molto tecnico tipo di filamento dal nome GF30-PP FIBRA VETROGF30-PP fibra vetro è un filamento di polipropilene rinforzato con un contenuto di fibra di vetro del 30%. Questo materiale presenta elevata rigidità e resistenza a temperature variabili, sostanze chimiche e raggi UV.


GF30-PP permette un uso prototipale della stampa 3D dimostrando un miglioramento dal 50% al 250% su ABS standard e materiali PA6 a base di nylon.

Per chi fosse interessato può prendere visione del filmato tecnico CLICCANDO QUI


Proprietà meccaniche di GF30-PP

Modulo di trazione: 6500 MPa
Resistenza alla trazione (resa): 60 MPa
Allungamento (rottura): 1,6%
Modulo di flessione: 4 300 MPa
Resistenza alla flessione (resa): 83 MPa
Resistenza alla flessione (rottura): 78 MPa
Calore Temperatura di deflessione: 120 ° C



DESCRIZIONE DEL PRODOTTO
Caratteristiche e vantaggi:
Materiali progettati per prototipazione funzionale e applicazioni industriali
Materie plastiche rinforzate ingegnerizzate
Molto rigido e forte
Ampio intervallo di temperature operative: da -20 ˚C a 120 ˚C e fino a MAX 160 gradi Celsius (NO fuoco)
Buona resistenza chimica e ai raggi UV
Eccellente adesione dello strato e ridotto effetto di distorsione


CONSIGLI PER LA STAMPA GF30-PP:

I filamenti XSTRAND ™ sono progettati per essere compatibili con la maggior parte delle macchine FDM/FFF compreso la ZORTRAX M200/M300 con software Z-SUITE ultima release e profilo Z-ABS. Il GF30-PP può essere stampato direttamente sul letto pre-forato con l'uso di RAFT oppure del BRIM.

Si raccomanda un ugello in acciaio temprato WIDIA a causa dell'alta abrasività del filamento per il suo rinforzo in fibre di vetro.

Per macchine con letto non perforato, si consiglia letto riscaldato a circa 100/110 gradi Celsius con tappeto di POLIETILENE AD ALTA DENSITA PE-HD. Una volta raffreddato a temperatura ambiente l'oggetto stampato si stacca facilmente dalla base.

Il polipropilene, una macromolecola di idrocarburi completamente satura, clinicamente inerte che ne permette un uso efficace in ambito stampanti 3D desktop, in particolare per un uso improntato sui dispositivi medici, le tecnologie di processo, l'industria automobilistica e la conservazione chimica.

Tuttavia è estremamente difficile da legare ed è praticamente non reattivo a nulla. La nuova Wolfbite ULTRA è la prima soluzione al mondo ad offrire un'effettiva adesione reversibile tra il materiale idrofilo ed il letto della stampante in VETRO ( vetro borosilicato ). Inoltre, Wolfbite ULTRA è una soluzione chimica "verde" a base d'acqua e quindi un prodotto sicuro per l'ambiente.
Per applicare il prodotto sulla superficie della lastra di vetro, occorre agitare bene la bottiglietta prima di applicare. Immergere l'applicatore fornito in dotazione nella soluzione. Applicare spalmando accuratamente sul vetro a freddo avendo cura di spalmare senza lasciare vuoti, coprendo l'intera area di costruzione prevista. Collocare il vetro sul letto termico e preriscaldarlo a 100 ° C.
Si può acquistare On- Line direttamente dal sito del produttore CLICCANDO QUI 

Più semplicemente si consiglia di utilizzare del semplice nastro adesivo da imballaggi in POLIPROPILENE NON COLORATO ( senza scritte stampante sopra ) attaccando con cura il nastro sul piano di vetro. NON mettere nessun altro tipo di prodotto sopra il nastro adesivo.

IMPOSTAZIONI DI STAMPA GF30-PP

Temperatura dell'ugello: 240 - 280 ̊C
Temperatura del letto: 80-110 ° C
Diametro dell'ugello:> 0,4 mm si consiglia FORTEMENTE l'uso di almeno un diametro 0,5 mm. 
Si consiglia tipologia ugello con punta in rubino tipo OLSSON RUBY oppure usare tassativamente ugelli in ACCIAIO TEMPRATO WIDIA da non meno di 0,5 mm di diametro
STAMPA SU LETTO CON USO DI TAPPETINI


Attenzione! Per la stampa di questo tipo di materiale è fortemente consigliato il tappetino LENE PLATE IN FIBRA CARBONIO.

Il tappetino è acquistabile separatamente direttamente dal produttore italiano 
a questo link CLICCANDO QUI 

Si avvisa che questo tipo di tappetino, è usabile solo ed esclusivamente per la stampa del filamento in polipropilene SENZA NESSUN TIPO DI FISSANTE. Se ci viene stampato sopra altri materiali non sarà più possibile usarlo con il polipropilene, ma solo come tappetino di aiuto adesione generico.



SI RACCOMANDA L'USO DI UNA MACCHINA CHIUSA SU 4 LATI ( preferibilmente a camera riscaldata)


lunedì 21 maggio 2018

PVA HELIOS SUPPORTO PVA RESISTENTE ALTA TEMPERATURA DI STAMPA COMPATIBILE ABS GOMMA ASA PETG


PVA HELIOS SUPPORTO PVA RESISTENTE ALTA TEMPERATURA DI STAMPA




HELIOS PVA SUPPORT HIGHTEMP è un materiale PVA solubile in acqua "resistente ad alta temperatura", concepito come materiale di supporto per la stampa 3D a doppia estrusione in combinazione con materiali tecnici che richiedono di essere stampati a temperature più elevate e / o in camere riscaldate.

HELIOS PVA SUPPORT HIGHTEMP può essere stampato a temperature degli ugelli fino a 250 ° C senza il rischio di crosslinking e ostruzione degli ugelli e aderisce molto bene a materiali a base di stirene come ABS, Gomma, ASA, PLA, Polipropilene, Polietilene, Copoliesteri.

HELIOS PVA SUPPORTHIGH TEMP
si dissolve leggermente più lentamente in acqua rispetto al PVA normale, ma il processo di dissoluzione può essere velocizzato quando si utilizza acqua calda a 60 Gradi Celsius e circolante.

CARATTERISTICHE HELIOS PVA SUPPORT HIGH TEMP

Può essere stampato a temperature dell'ugello fino a 250 ° C
Nessun rischio di cross linking e ostruzione degli ugelli
Migliorato comportamento di scorrimento del filamento
Può essere stampato in camere riscaldate fino a 60 ° C
Eccellente aderenza ad ABS, Gomma, ASA, PLA, Polipropilene, Polietilene, Copoliesteri.
Eccellente solubilità in acqua calda circolata
Completamente biodegradabile una volta disciolto in acqua
Densità: 1,19 g/cc




COME STAMPARE HELIOS PVA HIGH TEMP

Linee guida generali sulla stampa *

Dimensione dell'ugello: ≥ 0,15mm
Altezza dello strato: ≥ 0,1mm
Portata: ± 100%
Temp. Di stampa: ± 235 - 255 ° C
* Velocità di stampa: Media
Retrazione: Sì ± 5 mm
Velocità dello strato di interfaccia: 20 mm / s
Temperatura del Letto di stampa: ± 35 - 60 ° C
Velocità della ventola: 0-25%
Livello di esperienza: esperto

*) Le impostazioni visualizzate sono da intendersi come guida per trovare le impostazioni di stampa ottimali. Questi intervalli nelle impostazioni dovrebbero funzionare per la maggior parte delle stampanti, ma per favore sentitevi liberi di sperimentare al di fuori di questi intervalli se pensate che sia adatto alla vostra stampante. Esistono molti tipi diversi di stampanti, hot-end e offset della stampante che è estremamente difficile fornire un'impostazione generale adatta a tutte le dimensioni.

*) Una volta che Helios Support è stato utilizzato o aperto dalla confezione originale sottovuoto per un certo periodo di tempo, si consiglia di asciugare il materiale prima di riutilizzarlo.
GUIDA GENERALE PER LA STAMPA DI MATERIALI CON IL SUPPORTO IN PVA

La stampa con PVA in generale non è facilissima e richiede una buona dose di esperienza di stampa 3D, in quanto non esiste un formato generico adatto a tutte le dimensioni per la stampa a doppia estrusione con materiali PVA. Le impostazioni ottimali del PVA possono persino variare tra gli stessi modelli di stampanti 3D.

Una delle sfide più comuni è stabilire un buon legame tra il materiale di supporto PVA e il materiale da costruzione primario.

Di seguito i parametri sono della massima importanza per stabilire una buona aderenza.

Verificare la distanza di estrusione tra l'oggetto stampato e il supporto PVA.

L'impostazione predefinita nella maggior parte dei software slicer è spesso impostata su una distanza di 0,1 mm o 0,2 mm, che funziona bene per il supporto a distanza, ma non per il supporto PVA.

Per i materiali di supporto PVA, la distanza di estrusione deve essere impostata su 0.0mm poiché entrambi i materiali devono realmente entrare in contatto l'uno con l'altro.

La temperatura di stampa (ugello) è estremamente importante e si consiglia di misurare la temperatura effettiva dell'ugello e di confrontare questa temperatura con la temperatura impostata nelle impostazioni di stampa.

Se la temperatura effettiva dell'ugello è ad esempio 10 °C inferiore alla temperatura nelle impostazioni di stampa, potrebbe benissimo essere che lo strato di materiale di supporto PVA non scorre in modo ottimale nello strato del materiale di costruzione primario. Si vede spesso che la temperatura effettiva dell'ugello varia dalla temperatura di stampa impostata nel software di taglio.

Verificare che gli ugelli della stampante siano ben livellati e abbiano esattamente la stessa altezza, in modo che non vi sia alcuna "differenza di altezza" durante la stratificazione del materiale di supporto PVA sopra il materiale da costruzione primario.

Per verificare ciò, si consiglia di stampare in 3D una barra da 5 cm x 1 cm e di stampare ogni 1 o 2 strati con l'ugello sinistro e i seguenti da 1 a 2 strati con l'ugello destro e ripetere più volte questo processo. Se noti una stratificazione non perfetta, gli ugelli non vengono livellati correttamente. Ad esempio, questo processo può essere eseguito con PLA.