Visualizzazioni totali

venerdì 19 agosto 2016

COME STAMPARE FILAMENTO XT COLOFABB CONSIGLI SULLA STAMPA DEL FAMOSO COPOLIMERO XT AMPHORA EASTMAN

COME STAMPARE FILAMENTO XT COLOFABB CONSIGLI SULLA STAMPA DEL FAMOSO COPOLIMERO XT AMPHORA EASTMAN


Molti utenti ci chiedono chiarimenti sull'uso e le modalità di stampa del filamento XT della COLORFABB.

Uno degli aspetti unici del XT-copoliestere è la sua forza di adesione fra i layer “melt strength”. Con una temperatura di transizione vetrosa a 75°C, lo rende uno dei migliori materiali con buone proprietà di bridging e durezza dell'oggetto finale stampato in 3D. Ma significa anche temperature più elevate necessarie per raggiungere la viscosità appropriata, necessaria affinche il filamento possa essere stampato in varie impostazioni di velocità.

Per la cronaca vogliamo ricordare che ColorFabb ha collaborato con Eastman Chemical Company per sviluppare materiali a base di co-poliestere per la stampa FFF / FDM 3D. Oltre alla forza di fusione e stabilità dimensionale, Amphora Eastman offre funzionalità di bridging avanzate per creare elementi più forti e più dettagliati con basso odore e basse emissioni.

Il polimero Eastman Amphora ™ 3D è senza stirene e la particolare formulazione di Eastman Amphora ™ permette la realizzazione di elementi più funzionali, più durevoli, più efficienti ed attraenti.

XT co-poliester è realizzato con Amphora AM1800 ed ha una formulazione unica per la stampa 3D ed offre eccellenti proprietà come: alta resistenza e alta durezza, nessun odore in elaborazione, alta Tg / miglioramento della temperatura.

Nel colore TRASPARENTE inoltre ( citiamo il trasparente perchè il colorato potrebbe comunque contaminare il contenuto alimentare) , grazie all'assenza di STIRENE, si rende possibile la stampa di oggetti dedicati al contatto con i cibi e liquidi, in conformità alle regole della FDA Food Contact, BPA (bisfenolo A). XT permette all'utente di produrre oggetti funzionali in modo sicuro.



LETTO DI STAMPA RISCALDATO

XT è consigliabile stamparlo con un letto riscaldato. Con una ultimaker 2 ad esempio, di utilizza una lastra di vetro ricoperta con colla stick. Mantenere il letto ad una temperatura di circa 70°C, perché questo materiale dispone di una temperatura di transizione vetrosa a circa 75°C. Ciò significa che le stampe saranno in grado di resistere al calore meglio che di una stampa in PLA.

LETTO DI STAMPA FREDDO

Se non si dispone di un letto riscaldato e si vuole comunque stampare XT, allora si consiglia di stampa su di un letto di stampa coperto con nastro blu e assicurarsi che la piastra di costruzione sia perfettamente allineata e la distanza della punta dell'ugello alla piattaforma sia posizionata in modo corretto per la deposizione del primo strato. Poi il trucco per ridurre al minimo la deformazione su di un letto freddo è quello di disattivare la ventola di raffreddamento per i primi 1-2cm di stampa. Se la parte ha bisogno di raffreddamento è possibile accendere la ventola solo dopo i primi layer o dopo aver stampato pochi cm di altezza. Tuttavia, con un letto non riscaldato è possibile che si formino fenomeni di deformazione WARPING. In questo caso si consiglia di dare all'oggetto in stampa un supporto minimo di BRIM o RAFTING con le opzioni attivabili dal vostro programma di SLICING, cercando di limitare così al massimo questi fenomeni di deformazione.

IMMAGINE di Grumpy stampato con XT colorfabb su Ultimaker original con ventola di raffreddamento disattivata per i primi layer del modello.


TRASPARENZA

Per ottenere il massimo possibile in trasparenza della stampa 3D si consiglia di provare quanto segue:
• disabilitare ventola di raffreddamento per tutta la stampa
• stampare lentamente, 20-40 mm / s
• aumentare la portata (FLOW RATE), così i perimetri si fondono meglio
• stampare ad altezze strato più aggressive, come ad esempio 0,27 millimetri - 0,35 millimetri



Nessun commento:

Posta un commento