Visualizzazioni totali

martedì 4 ottobre 2016

FILAMENTO IN CERAMICA PER STAMPANTI 3D FDM CERAMO E CERAMO TEX

FILAMENTO IN CERAMICA PER STAMPANTI 3D FDM CERAMO E CERAMO TEX



FILOPRINT annuncia l'imminente uscita di due nuove tipologie di filamento veramente diverse dal solito che si basano sulla ceramica per la realizzazione di oggetti davvero fantastici che simulano incredibilmente la vera ceramica. Si possono realizzare interessantissimi oggetti che vanno dalla meccanica alla scultura, stampi per prototipazione, oggetti con proprietà isolanti per campi elettrici ed elettronici, ecc.ecc.


Filamentarno, un produttore russo che si sta facendo notare per la produzione di filamenti funzionali e tecnici, ha sviluppato questo filamento plastico che imita le proprietà della ceramica, tra cui la caratteristica superficie con integrate le opzioni di estrema durezza di finitura, tipiche della ceramica.

Questi due filamenti simil-ceramica, prendono in nome di Ceramo e Ceramo-TEX. E sono già stati testati per funzionare su di una vasta gamma di stampanti 3D desktop delle più importanti marche mondiali



FILAMENTO CERAMO

Dei due materiali, Ceramo è il prodotto principale. Quando stampato in 3D, si traduce in un oggetto freddo e pesante con una superficie che assomiglia moltissimo a quella della ceramica - specialmente quando stampato con un INFILL del 90 / 100 per cento. Si crea anche quel caratteristico suono che produce la terracotta quando si colpisce la superficie con un altro oggetto, e la plastica può essere trattata come la ceramica durante la post-elaborazione. Ciò significa levigatura, lucidatura e trattamento abrasivo per creare una superficie molto liscia e presentabile praticamente identica alla ceramica che si può anche decorare come si decora un vaso, un bicchiere, un piatto ecc.ecc.



Il materiale non si comporta come molte plastiche durante la stampa 3D, e viene estruso a temperature relativamente alte tra 240 e 260 gradi Celsius – ed occorre un letto caldo riscaldato a 100/110 gradi (se piccoli oggetti possono essere stampati in 3D su superfici letto trattate con nastro e non troppo riscaldate a circa 70/80 °C) . Occorre fare molta attenzione a maneggiare il filamento perchè molto fragile e facile a spezzarsi, prima di essere stampato, un po' come avviene con i filamenti caricati in metallo per i quali occorre molta attenzione durante lo sbobinamento.

Queste qualità lo rendono adatto per una varietà di applicazioni. Gli sviluppatori russi stessi puntano soprattutto a progetti decorativi e di produzione del prodotto finale. Ma Ceramo è anche molto resistente e solido, così come resistente al calore a 102 gradi Celsius - abbastanza buono per numerose applicazioni funzionali. Si adatta a tantissimi post-trattamenti, anche a stampi per prototipazione di solito realizzati in ceramica vera ma che ora possono essere prodotti con la stampa 3D in tempi e costi nettamente inferiori.

FILAMENTO CERAMO-TEX

Ceramo-TEX è il fratello maggiore dell'altro materiale. A differenza di Ceramo, questo filamento ha la caratteristica unica che si traduce in una maggiore omogeneità e più stabile consistenza esterna. Questo si traduce in realtà nel fatto che, le stampe 3D realizzate con questo materiale, hanno bisogno di poco o nessun trattamento post-stampa – cosa questa assolutamente senza precedenti. Non è mai stato così facile quindi con questo materiale CERAMO-TEX creare una texture naturale con proprietà di ceramica-like.



Inoltre, Ceramo-TEX difficilmente soffre di ritiro, il che lo rende ideale per oggetti di grandi dimensioni come stampe in 3D di oggetti di design per la casa. Grazie a queste proprietà superficiali eccellenti, la vernice acrilica aderisce alla superficie molto bene. Grazie alla notevole struttura cellulare del filamento, Ceramo-TEX è anche un ottimo materiale isolante, che permette quindi la realizzazione di oggetti in campo elettrico ed elettronico.



È interessante notare che, le stampe finali 3D mostrano una densità molto bassa e livelli elevati di tenacità anche a riempimento completo. Con un INFILL del 100% si realizzano oggetti dal peso di 0,75 a 0,8 grammi per centimetro quadrato, rendendo le parti strutturalmente molto forti, cosa questa che rende CERAMO TEX perfetto per la stampa 3D di aeromodelli e navi. Il cubo 20x20x20mm visibile nell'immagine allegata è stato stampato in 3D con 0.25 strati con il 100 per cento di riempimento, e pesa solo 6 grammi.



Queste proprietà insolite sono attivate grazie ad una programmabile reazione di schiumatura del materiale. A temperature di circa 235 gradi Celsius, Ceramo-TEX è leggermente più leggero dell'acqua. Ma una volta che le temperature si alzano a 250 gradi, le plastiche iniziano la formazione di schiuma direttamente in estrusore. Una volta che le temperature raggiungono 260 gradi e la velocità di stampa 3D è impostata a 20 mm al secondo, si riesce ancora a realizzare oggetti stabili, che possono essere ancora comunque influenzati nella realizzazione finale, dal cambiamento dei parametri di testa di estrusione, altezza del livello e diametro estrusore. Si apre quindi un vasto scenario per la realizzazione di un vasta gamma di strutture con proprietà di superficie sempre diverse che possono anche essere creati attraverso la sperimentazione di velocità di stampa e altezze di livello, simulando anche superfici in pietra arenaria.


Ceramo-TEX è quindi un materiale molto potente che richiede un po 'di esperienza di stampa 3D per sperimentare tutte queste diverse impostazioni. Aumentando la temperatura e diminuendo la velocità di stampa 3D, possono essere create strutture di talmente simili a ceramica da sembrare identici simili e perfetti come la ceramica, privi di pori e lacune. Addirittura, si possono anche creare strutture di schiuma solide e leggere. Manipolando velocità di stampa 3D e la pressione, gli oggetti possono risultare solidi perimetralmente ma con un centro leggero, o viceversa.


Proprio come Ceramo, Ceramo-TEX può essere esposto a svariati processi di lavorazione post-stampa, compresa la lucidatura, levigatura e taglio. Ma il filamento in sé è abbastanza fragile. risultati standard si ottengono a temperature da 240 a 260 gradi Celsius, con printbeds riscaldato a 100 a 110 gradi.

Nessun commento:

Posta un commento